Lia Invernizzi

Da una decina d’anni è insegnante di Tecnica Vocale con il Metodo VMS di Loretta Martinez. Ha lavorato in diverse Scuole Musicali del Novarese e Pavese. Attualmente insegna principalmente presso la Scuola di Musica "Dedalo" di Novara e ha un progetto musicale chiamato “Bellinians United” (Musica d’Insieme con Coro e Band) presso l’Istituto Bellini di Novara. Oltre alla Tecnica Vocale affianca la preparazione degli esami LCM (London College of Music) fino all’Ottavo Livello con la collaborazione del M° Stefano Vicelli.

STUDI: Ha studiato Tecnica Vocale con Luisa Totaro, Paul Rosette e Pachy Sconamiglio e Pianoforte con Barbara Scarioni e Gabriele Bernardi. Ha partecipato a diversi corsi, seminari e convegni di perfezionamento: Stàge di Dizione e Recitazione di Maurizio Salvalalìo, III Convegno Internazionale di Foniatria e Logopedia di Ravenna , Corso EVTS (Voicecraft) di I e II livello con Alejandro Saorin Martinez, Stàges di Improvvisazione Jazz con Tiziana Ghiglioni, Jay Clayton, Laura Fedele, Bob Stoloff, Joey Blake e Gegè Telesforo , Stàges di Interpretazione con Rossana Casale, Jazz Workshop dei Due Laghi di Avigliana con Ann Malcom e Sangoma Everett. Master di Didattica dell'insegnamento della musica e del canto moderno VMS (Vocal Music System) di Loretta Martinez. Diploma LCM (London College of Music) di 8° Livello in Teoria della Musica Pop e Diploma di Insegnante di Canto Moderno LLCM del London College of Music (Univeristy of West London).

CURRICULUM ARTISTICO
Secondo premio al concorso per compositrici "Note di Donna 2008" indetto dal Piacenza Jazz Festival, da oltre 25 anni lavora professionalmente nel campo della musica.
Le sue prime esibizioni in pubblico risalgono all’età di otto anni e a 12 anni impara a suonare la Chitarra Acustica da autodidatta. Artista versatile, nel corso degli anni si è avvicinata ad altre forme d’arte quali la danza, la pittura e la poesia ma decisivo è stato il suo breve ma illuminante incontro con Chick Corea a Copenhagen e la scelta di lavorare definitivamente nell'ambito musicale.

Tornata in Italia dopo tre anni di soggiorno all’estero, studia con Luisa Totaro e con Paul Rosette, collabora con Roberto Favilla (pianista e arrangiatore dei Mitteleuropa Ensamble), Ezio Allevi, Michele Bozza e Pierluca Lavia.

Nel 1991 vince il VII Festival della Canzone della Martesana con il brano "Sha-doo" di cui è autrice con Fabrizio Rizzo. Il brano viene incluso nella compilation di "Futura Music Magazine" e distribuito in tutta Italia.
Dal 1992 lavora con la "Jean U. Arm Theat. Ag." di Lugano e la "Petros Agency" di Torino, esibendosi in numerosi locali italiani ed esteri, quali il Casinò di Saint Vincent, di Chamonix, il Palatrussardi di Milano, la Sinagoga e il Caffè Pedrocchi di Padova fino al 2000, anno in cui inizia a lavorare per "Costa Crociere" toccando i paesi del Mediterrano, del Brasile, Argentina e Terra del Fuoco.
In seguito, dopo un periodo di fermo durato quasi due anni durante il quale partecipa a diversi corsi e seminari, si avvicina al jazz grazie a Cesare Trombini batterista di Galliate chiamato affettuosamente “Mr.Shuffle” che la coinvolge nel suo gruppo “Jazzondulation” con Vinicio Crivelletto alle tastiere e Marco Gardino al sassofono.
Nel 2004 arriva seconda al Concorso "Novara Jazz 2004" per gruppi, solisti e cantanti, organizzato da Filippo Rodolfi e dall’Associazione "La Turrisella" di Novara.
Nell’Ottobre 2005 un breve ritorno al rock ed è corista della band di 12 elementi "Seamus - Tributo ai Pink Floyd" che ha eseguito, in collaborazione con l'Orchestra del M° Giuseppe Canone ed il Coro Novaria, "Atom Heart Mother" suite di 20 minuti del mitico gruppo anglosassone.
Nell' Aprile 2006 esce "Joyheart", brano philly funky-dance dei "Polisound" (Rizzo & Invernizzi) incluso nella compilation "Acid Jazz" prodotta della New Sound 2000.

In quegli anni lavora con diversi musicisti del novarese e verbano fra cui Diego De Piccoli, Christian Albano, Freddy Scarfa e Andrea Cerdelli con i quali lavora tutt’ora e con Pierluca Lavia e Dionigi Turcinovich.
Nel 2006 grazie all’incontro con la pianista Manuela Capelli, nasce un gruppo tutto al femminile con Claudia Natili al contrabbasso e Barbara D’Alessio alla batteria: Jazz Cats Combo. Nello stesso periodo, grazie alla lettura della biografia di Miles Davis, Lia comincia a scrivere i primi brani jazz che subito ricevono un riscontro positivo. Infatti nel 2008 vince il secondo premio per compositrici "Note di Donna 2008" indetto dal Piacenza Jazz Festival con la giuria presieduta da Laura Fedele.

Con il Jazz Cats Combo Lia ha modo di esibirsi ai suoi primi Festival e Rassegne di Jazz di una certa importanza fra cui il Lucca Jazz Donna.
Il 2008 porta un cambiamento nella formazione del “Jazz Cats Combo” che diventerà il “Nu-Drop Quintet” con l’introduzione di due validi elementi: Piera Quirico chitarrista e arrangiatrice di Milano e Silvia Cucchi pianista di Torino. Con questa nuova formazione nel 2009 viene registrato il loro primo album intitolato “Nu-Drop” che esce nel 2010 e continuano le esibizioni in Rassegne, Jazz Club e Festival di rilevanza fra cui “Aperitivo in Jazz” al Teatro Coccia di Novara, il Politecnico di Milano, il Mendrisiotto Jazz Club, il Tremezzo Jazz Festival, etc.

Nel 2011 Lia realizza un concept album intitolato “Visioni” dove la voce viene usata come strumento inframmezzata da piccole poesie scritte alla fine degli anni 80 durante il suo soggiorno in Danimarca e in Inghilterra. E’ un concept-album completamente improvvisato con Danila Gizzi al Didjeridoo e Christian Bertani alla batteria e Fabrizio Grecchi come ospite alle tastiere ed effetti. (Ilia Music 001)
Nel frattempo comincia la sua collaborazione con Renato Pompilio chitarrista di Verbania , noto nel panorama jazzistico.
Nel 2012 registra un progetto Anni 80 di brani rivisitati in chiave jazz e uscito nel 2013 con il nome di “The Traveller – Karma Chameleon” con Fabrizio Grecchi al piano, Alex Orciari al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria oltre ad alcuni ospiti: Humberto Amesquita al trombone, Fabio Buonarota alla tromba, Andres Villani al sax e Gabriele Boggio Ferraris al vibrafono. (Ilia Music 002)
Nel 2013 è ospite nel primo album del DaMaWa trio (Davide Vassalli, Max Pierini e Walter Morello) in cui Lia canta alcuni classici del jazz.
Il 29 aprile 2014 è uscito il nuovo lavoro del Nu-Drop Quintet intitolato "Liquid" con Piera Quirico (chitarra), Silvia Cucchi (piano), Claudia Natili (basso e contrabbasso) e Barbara D'Alessio (batteria). (Ilia Music 003).
Il 2017 segna il ritorno al pop/rock con la Reunion della Band “Judy Barbera” fondata nel 2005 con i colleghi novaresi Alessandro Salerno (chitarra) e Sergio Barletta (batteria). A loro si affiancano Giulio Federico al basso e Alessandro Di Muccio alle tastiere e la collaborazione in duo con Alessandro Salerno alla chitarra: “Wind & Stings” Duo.

Web: www.liainvernizzi.net
Facebook Page: Lia Invernizzi Music