Image

Federica Mancini

Nata a Torino, si diploma in arpa nell'anno 2002 con il massimo dei voti presso il Conservatorio "G. Verdi" di Torino sotto la direzione della Professoressa Gabriella Bosio.Nel 2003 vince la borsa di studio Socrates/Erasmus e si perfeziona al Conservatorio Superiore di Madrid con la Professoressa Mara Rosa Calvo Manzano.

Nel 2004 si iscrive al Conservatorio Regionale di La Couneuve (Parigi) per perfezionarsi con la professoressa Isabelle Daups.Nel 2005 vince la borsa di studio " Master dei talenti musicali" della Fondazione CRT.
Svolge un’intensa attività concertistica, dal 99 ad oggi ha collaborato con le principali orchestre Torinesi come L’Orchestra Filarmonica di Torino, L’Orchestra 900 del Teatro Regio e L’orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
Recentemente ha cominciato una collaborazione con la prestigiosa Orchestra Symphonica Toscanini.

All’attività orchestrale affianca anche un’attività cameristica specializzandosi nel repertorio contemporaneo. Nel 2001 partecipa al progetto "L'arte della fuga di Bach" coordinato dal Maestro Luciano Berio, esibendosi in tutta Europa (Spoleto, Lione, Aia, Londra), ed inoltre collabora attivamente con vari gruppi come: "Musica Insieme" di Cremona e L'Ensemble Europeo Antidogma Musica di Torino, il Fiarì Ensemble di Torino, L'Ensemble Refrain di Torino, Resognanze Ensemble di Milano e il MDI Ensemble di Milano (con i quali ha recentemente inciso un Cd dedicato a Stefano Gervasoni, con la casa discografica francese Aeon).

Contemporaneamente svolge anche attività di insegnante, collaborando con la Prof.ssa Gabriella Bosio e specializzandosi nel metodo Suzuki. Attualmente è titolare della cattedra di Arpa presso la scuola Suzuki di Saluzzo, il Civico Istituto Musicale G.B. Fergusio di Savigliano e la scuola di musica Dedalo di Novara.

Infine oltre all’attività strumentale affianca anche un’attività di corista ha cantato infatti nei Piccoli Cantori di Torino, il coro delle voci bianche del Teatro regio di Torino, e attualmente nel Coro G. diretto da Carlo Pavese., con cui si esibito in numerosi festival corali.